web_marketing_festival_2017

Makkie family sbarca al WMF 2017

42 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 42 Reddit 0 StumbleUpon 0 Pin It Share 0 Email -- Filament.io 42 Flares ×

Il 23 e il 24 Giugno quattro componenti della big family Makkie hanno intrapreso una gita fuori porta in quel di Rimini per partecipare al Web Marketing Festival 2017, evento di riferimento per il settore digital all’interno del panorama nazionale, che quest’anno ha attirato 6.000 presenze e organizzato oltre 30 sale con più di 200 relatori su 38.000 mq di networking, riscontrando un enorme successo.

Nell’articolo di oggi vogliamo condividere con voi qualche osservazione e riflessione in merito a questa stimolante esperienza formativa.

Prima di tutto, però, conosciamo i quattro protagonisti della nostra storia, ovvero la famiglia composta dal reparto Marketing dell’agenzia: Alan, Direttore di Strategia; Francesca, Social Media Manager; Francesco, SEO/SEM Specialist e Sara, Copywriter.

wmf_2017_Makkie_family

Ok, adesso vi racconteremo un po’ cosa ci siamo portati a casa da questa occasione di formazione e arricchimento professionale: se vi va, seguiteci;)

Il WMF 2017 secondo Makkie

Ogni risorsa del reparto/famiglia ha seguito interventi di interesse per il proprio ruolo professionale, ma abbiamo voluto anche focalizzarci sui nuovi strumenti e sulle nuove tendenze e in generale, quindi, su tutto ciò che è destinato ad acquisire sempre più importanza all’interno del magico mondo del Digital Marketing, come il Programmatic e l’analisi dei Big Data.

Come vi dicevamo poc’anzi, in questo articolo non vogliamo certamente soffermarci nella descrizione di ciascun intervento al quale abbiamo partecipato: preferiremmo puntare i riflettori su ciò che queste due intense giornate ci hanno lasciato a livello di macro – considerazioni e spunti di miglioramento relativi al nostro lavoro. Vediamole insieme!

Facebook, sovrano del regno social

La prima riflessione riguarda la centralità dell’ecosistema Facebook all’interno della galassia social italiana e internazionale: il social blu rimane il canale maggiormente interessante sotto vari punti di vista per le aziende e per i professionisti che li gestiscono per loro conto.

I motivi sono semplici: questo social network cresce alla velocità della luce, implementando nuove funzionalità con una frequenza ed una rapidità senza precedenti, affinando sempre di più l’esperienza dell’utente con l’intento di farlo uscire il meno possibile dalla piattaforma.

Non a caso, quasi tutti gli interventi del Festival legati al mondo social riguardavano esclusivamente lui: Facebook. Attorno a questo canale girano tutti gli altri e, probabilmente, col passare del tempo, sarà sempre più evidente la sua centralità e la sua capacità di rendere l’utente il protagonista assoluto dell’esperienza social, anche quando si tratta di interfacciarsi con i brand.

Sì, perché anche quando parliamo di aziende, ciò a cui dobbiamo dedicare la massima attenzione sono le persone che compongono il nostro target: l’importanza della profilazione del pubblico per ottenere risultati positivi dalle attività di Facebook Marketing e Facebook Advertising è stato un altro fondamentale spunto di riflessione che condividiamo con voi, sottolineando quanto lo stesso Facebook abbia, da sempre, messo in primo piano questo aspetto.

Pensare digital, pensare in grande

Un ulteriore punto che vale certamente la pena condividere con voi è l’esigenza di pensare alle attività di Web Marketing come a un tutt’uno all’interno della Digital Strategy dei brand, per fare in modo che si rivelino efficaci.

Un e-commerce non potrà funzionare soltanto grazie ad un buon posizionamento ottenuto con azioni di SEO e SEM se il contenuto non è di ottima qualità, un canale social non porterà i risultati sperati se l’ADV è efficace ma il piano editoriale è carente (o viceversa)…La sinergia di tutti gli strumenti e di tutte le attività è vitale per centrare gli obiettivi.

Si tratta senz’altro di un’operazione prima di tutto culturale nei confronti degli operatori del settore, ma lo è soprattutto verso i clienti: dovrebbe essere un impegno di chi lavora nel digital tentare di trasmettere questo approccio olistico al cliente, pur dovendo incontrare e affrontare diversi ostacoli lungo il cammino. D’altro canto, se non lo facciamo noi, chi lo farà? ;)

Sfumature di contenuto per fare la differenza

Ultima per ordine ma non per importanza una considerazione sulla centralità dei contenuti all’interno delle azioni di Web Marketing, altro aspetto protagonista del Festival: in una realtà sommersa di contenuti, il rischio di farli diventare anonimi e identici gli uni agli altri è sempre dietro l’angolo.

Ecco perché è necessario ricordare che il tono di voce, il copywriting e i contenuti visual di qualità fanno la differenza: soltanto con contenuti davvero unici e di valore sarà possibile catturare e magari far mantenere l’attenzione al lettore. Naturalmente è fondamentale anche la strategia relativa alla loro promozione, ma la qualità e la distintività sono imprescindibili e non dovrebbero mai essere sottovalutate.

Bene, adesso che conoscete i ragionamenti che abbiamo condiviso con la nostra big family al rientro dal WMF 2017 per migliorarci e cercare di essere sempre aggiornati in un ambiente digitale che muta così velocemente, potreste lasciarci la vostra opinioneNoi vi aspettiamo! :)

Category: Web Marketing

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Article by: Noi

Noi: Makkie.