analisi_target_competitor

L’analisi del target e dei competitor, il primo passo verso la tua Marketing Strategy di successo

39 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 39 Reddit 0 StumbleUpon 0 Pin It Share 0 Email -- Filament.io 39 Flares ×

In un piano di Marketing e Comunicazione, sia esso sul web o offline, ci sono diversi aspetti da considerare e altrettante fasi da attraversare per inseguire gli obiettivi prefissati, ognuna delle quali svolge una sua funzione all’interno della strategia pensata per raggiungerli.

Oggi sul blog Makkie vogliamo raccontarti un po’ il primo step operativo che attiviamo dopo il brief col cliente e illustrarti perché riteniamo sia così importante da dedicargli un articolo: signori e signore, ecco a voi… L’analisi! :)

Naturalmente, il termine “analisi” comprende concetti ed attività ampie e questo articolo non ha la presunzione di trattarli in modo esaustivo, ma di fornire una panoramica che evidenzi quelli a nostro parere più importanti.

Conosci il tuo target per conoscere te stesso

Iniziamo quindi parlando dello studio del target, elemento di fondamentale rilievo per la realizzazione di una strategia, poiché consiste nel delineare il profilo dei nostri potenziali consumatori e quindi capirne i tratti socio – demografici, gli stili di vita e, soprattutto, le abitudini e le attitudini di consumo.

Non solo: l’analisi del target può farci avere un’idea dei bisogni e delle aspettative di queste persone e quindi esserci ancora più utile nella creazione di una strategia di Marketing e Comunicazione efficace.

L’indagine relativa ai profili del nostro target prende tecnicamente il nome di “creazione delle Buyer Personas” e rappresenta una condizione sine qua non per realizzare un piano strategico che si riveli efficace: partendo da una reale conoscenza del target potremo aumentare le possibilità di centrare i nostri obiettivi…Ma questa è un’altra storia, che vi racconteremo in un altro articolo! :)

Vuoi emergere? Osserva!

Passiamo adesso all’analisi relativa allo scenario dei competitor, ossia la valutazione di ciò che accade nel contesto in cui il cliente si muove, in quello che potremmo definire il mercato di riferimento.

Sarà importante osservare da vicino i competitor e le loro iniziative in termini di Marketing e Comunicazione, così come il tono di voce che utilizzano, e cercare di delineare i loro punti di forza e di debolezza per poter strutturare una strategia che si differenzi da quelle applicate da loro sui vari canali di comunicazione.

Naturalmente, non potremo conoscere gli obiettivi dei nostri competitor, ma potremo basarci sulla loro comunicazione per fare considerazioni su come strutturare la nostra strategia in modo che risulti potenzialmente più efficace.

Troppo complesso? Non facciamoci prendere dal panico: per effettuare uno studio approfondito della concorrenza, sul web esistono numerosi tool che ci supportano e ci forniscono dati interessanti che fungono da ottimi spunti di riflessione per la nostra comunicazione.

Non trascurare ciò che fa la differenza

Potrebbe sembrare banale ribadire la rilevanza dell’analisi del target e della concorrenza, ma la nostra esperienza ci insegna che si tratta di fasi non scontate all’interno di un piano di Marketing e Comunicazione e che vale la pena sottolineare la portata e il valore di questi passaggi con il cliente in termini di efficacia del progetto che si vuole costruire.

Ecco perché abbiamo deciso di scrivere un articolo su questo argomento: per noi è essenziale che questo passaggio sia considerato come qualcosa di imprescindibile nell’approccio al Marketing e alla Comunicazione.

Bene, adesso, dato che ci hai reso felici leggendo fino a qui, che ne dici di lasciarci il tuo parere sull’analisi del target e della concorrenza nei commenti?
Noi siamo sempre qui;)

Category: Web Marketing

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Article by: Noi

Noi: Makkie.