Influencers chi sono, cosa fanno e come intercettarli

Influencers: chi sono, cosa fanno e come intercettarli

52 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 52 Reddit 0 StumbleUpon 0 Pin It Share 0 Email -- Filament.io 52 Flares ×

Gli INFLUENCERS fanno tendenza, creano seguito. Sono delle figure talmente importanti da poter ormai parlare di “Influencer Marketing”, ma esattamente: chi sono, cosa fanno e come fare ad intercettarli?!

Attraverso post, cinguettii e scatti riescono a spostare e indirizzare l’opinione dei FAN a loro piacimento. In pochi minuti hanno il fascino di condizionare: opinioni, sentimenti e scelte.

Sono considerati tra i più AUTOREVOLI esperti nel loro settore di competenza. In un mondo sempre più interconnesso e legato ai social network, gliinfluencers hanno acquisito una considerevole importanza, andando a rivestire il ruolo una volta interpretato dagli opinionisti della carta stampata e dei programmi televisivi (gli Opinion Leader).

Coinvolgere influencers significa avere una grande pubblicità con budget inferiori rispetto alla pubblicità tradizionale, soprattutto se rimaniamo su uno specifico target. Gli influencers hanno un rapporto reale con i propri seguaci che seguono i consigli dei propri beniamini e sono molto interessati a quello che condividono sui proprio social.

Influencers: chi sono, cosa fanno e come intercettarliChi possiamo definire “INFLUENCER”

L’influencer è un utente con migliaia di seguaci sparsi sui vari social network, può essere uno YouTuber, avere un SITO, ma in genere ha quasi sempre un BLOG sul quale scrive gli articoli che poi condivide sui vari canali. Ogni volta che condivide un post, una foto o un video, riceve centinaia/migliaia di visualizzazioni grazie alla fiducia dei suoi FAN. Un INFLUENCER è una Persona capace di condizionare i pensieri e le decisioni degli altri grazie a ciò che pensa e scrive. Sui social, oggi sono loro a dettare: tempi, tendenze e le modalità della comunicazione globale … hanno il potere di far decidere cosa è IN e cosa è OUT.

Il primo passo nell’Influencer Marketing sta nell’identificare gli INFLUENZATORI. Gli influencers sono Utenti specifici di una determinata nicchia di mercato che vengono contattati dalle Aziende come canali per l’intero segmento di mercato.

Esistono sei gruppi di Influencers:

  • gli attivisti: coloro che hanno un impegno nei confronti delle propria comunità, movimenti politici e associazioni no profit
  • i connessi: influencers che hanno molti seguaci sui social network
  • influencers d’impatto: persone molto ambite che beneficiano della fiducia degli altri
  • le celebrità: artisti con migliaia di seguaci
  • le menti attive: utenti con interessi multipli
  • i trendsetter: coloro che per primi tendono ad entrare o ad abbandonare un mercato

Influencers: chi sono, cosa fanno e come intercettarli

Come poter intercettare gli INFLUENCERS sui social network?

Può sembrare difficile, in realtà basta conoscere gli opportuni strumenti per poter individuare e valutare con cura gli influencers più rilevanti, in ciascun settore di interesse. Sul web sono disponibili diversi strumenti <alcuni gratuiti per breve tempo> che facilitano la ricerca di utenti capaci di orientare umori e decisioni.

Dopo un’accurata analisi on-line e vari confronti con Colleghi di settore, mi sono permessa di selezionarne alcuni per Voi:

FINDER | sito: https://finder.buzzoole.com

Finder è uno dei software che preferisco, in grado di individuare i migliori influencer in base a determinati parametri di ricerca. Il software consente una ricerca sul web che include tutti i profili Facebook, Twitter, Blog e Siti, classificandoli in base all’audience specifica rilevata sull’argomento scelto. Finder è fondato su una “advanced search”, una ricerca avanzata basata su topic specifici di interesse e sulla nazionalità, che permette di individuare i profili online più influenti fra 2 miliardi di utenti. Tramite Finder le Aziende possono individuare gli utenti più esperti in un settore con il maggior numero di follower/amici, che “riconoscono” la loro competenza. Il risultato della ricerca del Finder di Buzzoole dà l’opportunità di comunicare e interagire con gli influencer generatori di passaparola, capaci di influenzare il comportamento d’acquisto degli utenti e di generare un sentiment positivo. Consente anche di scoprire nuovi profili online emergenti: le “nuove promesse digitali” dell’influence marketing.

BLOGDASH | sito: http://www.blogdash.com

Blogdash è sorta di directory di Blogger influencer che permette di ricercare, utilizzando parole chiave, klout score e altri parametri, i blogger di maggiore rilievo per il tuo business e settore. La piattaforma sembra potente, ma inadatta per azioni sul Mercato Italiano.

KLOUT | sito: http://klout.com

Klout è un servizio di social networking che offre analisi statistiche personalizzate sui social media. In particolare, stima l’influenza degli utenti attraverso il Klout score (da 0 a 100) ottenuto dal grado di interazione nei profili utente di siti popolari di social networking, tra cui Twitter, Facebook, Google+, Linkedin e Foursquare. Questa influenza è ottenuta a partire dall’ampiezza del network dell’utente, il contenuto generato, e il livello di feedback ottenuto. E’ uno tra gli strumenti più utili che, oltre a permettere di scoprire il proprio impatto e seguito sui social network, offre la possibilità di conoscere altri utenti con le stesse passioni e una grande influenza sul loro pubblico.

TRAACKR | sito: http://traackr.com 

Traackr è una tra le migliori piattaforme per identificare e ingaggiare gli influencer. Utilizza 3 algoritmi proprietari per calcolare le 3 R: reach, resonance e relevance, ovvero grandezza della platea di ascolto, risonanza degli interventi e rilevanza degli stessi. E’ uno strumento decisamente utile e in grado di tracciare ciò che accade su web e social per quanto riguarda un determinato argomento ed individua gli utenti che hanno maggior peso e seguito su tale argomento.

KLEAR| sito: http://klear.com

Klear è uno strumento di social media analysis tra i più potenti. Non solo permette di scoprire informazioni utili sulla propria “vita social” e sull’impatto dei “nostri interventi” sul resto della community, ma consente di scoprire con facilità quali siano gli utenti di maggior rilievo e carisma sui temi più rilevanti.

TWITALYZER | sito: http://www.twitalyzer.com 

Si tratta di Twitter riprodotto in statistiche. Con Twitalyzer si otterranno statistiche di tutti i generi sulla propria attività su Twitter, dal numero di retweet ottenuti a quello delle risposte, dalle liste in cui si è inclusi al numero di follower. Questi dati vengono poi tramutati in indici e valutazioni, così da scoprire i propri punti di forza e punti di debolezza. Se utilizzato correttamente, è uno strumento utilissimo per diventare un influencer seguito e rispettato.

COMMUN | sito: http://www.commun.it

Commun è una piattaforma di Twitter Management che consente di identificare i tweet e gli influencer  di maggiore valore, che val la pena di seguire, ritwittare, etc. Attraverso l’utilizzo di Commun, le liste “amici” e “follower” vengono decomposte per categorie di interesse e di attività. Così, se si vorranno creare e mantenere dei rapporti duraturi con alcuni dei propri fan, si potranno selezionare gli argomenti di discussione e creare dei contenuti per loro interessanti.

MBLAST | sito: http://www.mblast.com

Mblast consente di distinguere tra popolarità e reale influenza, intesa come capacità di influenzare una decisione o indurre un’azione (come quella di acquistare un prodotto, grazie ad una raccomandazione).  E’ noto infatti che gli influencer sono tali “solo” per uno specifico settore, campo o area di interesse. L’algoritmo usato da Mblast tiene conto e misura della “topical influence”, ovvero l’influenza associata ad uno specifico argomento.

GaggleAMP | sito: https://gaggleamp.com

GaggleAMP fa leva sugli influencer interni all’Azienda (dipendenti, clienti, partner, fan); il concetto è quello di creare delle “ondate” di contenuti tematici che possano essere condivisi e amplificati sui social media; fa leva sulla reach potenziale di impiegati per amplificare sui social contenuti tematici di rilievo per l’Azienda. Così facendo si crea un gruppo di persone che distribuiscono e favoriscono i contenuti.

PEERINDEX | sito: http://www.peerindex.com

Peerindex prende in esame i dati dei vari profili social per definirequantitativamente, l’influenza che si ha sugli altri utenti. Peerindex è focalizzato su Aziende e Brand (piuttosto che su singoli utenti).

AUGURE INFLUENCER | sito: https://influencers.augure.com 

Augure-Influencers funziona come un motore di ricerca: basta immettere la “parola chiave” e si ottiene il ranking degli influencers Italiani e Internazionali che hanno trattato quel tema specifico in una loro pubblicazione. Ad esempio, un’Azienda che opera nel food potrebbe ricercare quali sono gli INFLUENCERS interessanti per il proprio brandsemplicemente inserendo come parola chiave “bevande” o “birra”, o anche ibrand dei Competitors.

Cliccando su ogni Profilo si accede a diverse informazioni:

  • social network a cui è iscritto
  • numero di follower e fan
  • 5 argomenti che tratta con più frequenza
  • tag cloud con keywords principali
  • link al suo blog
  • link ai social media
  • La ricerca può essere impostata utilizzando dei filtri (Paese, Lingua, Canale Social da monitorare). Lo sto provando in questi giorni, è davvero un ottimo prodotto.

Una volta selezionati i migliori influencers per il nostro Cliente, non resta che:
1) prendere un primo contatto
2) inviare un campionario da far valutare
3) corteggiarli con classe
4) invitarli ad un evento dedicato

Quando avrete in mente di progettare la Vostra Campagna Pubblicitaria, non tralasciate l’Influencer Marketing e non dimenticatevi di me: sarà un vero piacere esservi di aiuto :)

Category: Web Marketing

Tags:

3 comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Article by: admin