proximity_marketing_Makkie

Beacon a fuoco lento, la ricetta di Proximity Marketing che cuoce a puntino il tuo business.

58 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 58 Reddit 0 StumbleUpon 0 Pin It Share 0 Email -- Filament.io 58 Flares ×

Iniziamo questo articolo con una constatazione: il comportamento d’acquisto cambia con l’evolversi della società, che a sua volta cambia con l’evolversi della tecnologia.

Ok, siamo consapevoli che questo potrà sembrarti un antipasto un po’ insipido, ma ti assicuriamo che se ci darai fiducia e proseguirai con la lettura, le portate si riveleranno appetitose.

D’altronde si sa, l’appetito vien mangiando… ;)

L’acquisto: una questione di tempismo.

Oggi viviamo “connessi” e il nostro modo di comprare si è adattato a questa realtà in cui on e off line si intrecciano sempre di più, creando esperienze di acquisto in cui le prime fasi del processo decisionale, quelle durante il quale valutiamo le alternative a nostra disposizione con relativi pro e contro, per intenderci, avvengono spesso sul web.

É questo il luogo, o meglio il non – luogo, all’interno del quale sempre più frequentemente entriamo per “dare un’occhiata”, per poi magari acquistare nel punto vendita in un secondo momento.

Fino a non molto tempo fa, questa fase di ricerca e reperimento delle informazioni avveniva comodamente seduti sul divano di casa o dalla scrivania dell’ufficio, davanti ad un pc e, dopo qualche navigata, partiva il giro per negozi.

Cosa sta cambiando, negli ultimi anni? Che siamo sempre più dipendenti dal nostro smartphone, sempre più abituati ad averlo a portata di mano per consultare il web mentre ci troviamo all’interno del punto vendita: confrontiamo i prezzi, le caratteristiche dei prodotti/servizi fondendo i canali del processo d’acquisto a favore…Già, a favore di chi? Del produttore e venditore con negozio fisico o di quello con negozio online?

Ecco, qui la faccenda si fa interessante, perché l’acquisto in-store potrebbe essere favorito dalla consultazione online, ma anche risultarne fortemente svantaggiato, a favore dei portali di E-commerce. Approfondiamo!

Vendere di più offline? Sì, grazie. Con i beacon.

La stessa tecnologia che minaccia il negoziante offline, può tuttavia diventarne la migliore alleata di business, grazie alle possibilità del Proximity Marketing. Sì, il termine fa un po’ paura: manca poco più di un mese ad Halloween ed effettivamente travestirsi da Proximity Marketing potrebbe essere una buona idea… Ma forse stiamo divagando! :)

Torniamo al comportamento d’acquisto e a come i nuovi trend di cui abbiamo parlato fino ad ora possano essere sfruttati dai commercianti: il Proximity Marketing consiste nel mostrare a chi entra in negozio contenuti relativi agli articoli/servizi che vendiamo, in modo da catturare la sua attenzione e il suo interesse, promuovendo l’acquisto immediato.

Come? Utilizzando i beacon (la metafora del cibo, come vedete, non ci abbandona!), dispositivi che tramite il segnale bluetooth riescono ad intercettare l’utente che, ad esempio, sta visitando in quel momento la sezione dedicata alle televisioni all’interno di un negozio di elettrodomestici.

Dopodiché, l’utente riceverà su App mobile notifiche di contenuti come sconti alla cassa, coupon, caratteristiche tecniche, plus e chi più ne ha più ne metta, relative a quel specifico prodotto del quale ha aperto la scheda di dettaglio.

In altre parole, Proximity Marketing significa sfruttare le ultime possibilità tecnologiche e informatiche per migliorare la shopping experience rispondendo alle domande e ai dubbi che, diversamente, l’utente, nonché potenziale acquirente, chiederebbe a Google. Il rischio di perdere l’incasso, pertanto, diminuisce non poco.

Pensiamo a quanto settori come i beni di largo consumo e il turismo potranno beneficiare del Proximity Marketing: soggiornare in un hotel che ti dà la possibilità di usufruire di servizi speciali ed esclusivi come sconto per la colazione in camera oppure di servizi extra come un corso di yoga dedicato soltanto a chi utilizza l’App non sarebbe così male, no?

Proximity Marketing: un digital trend da monitorare.

Le opportunità offerte dal Proximity Marketing per i brand sono davvero interessanti e l’argomento merita di essere tenuto d’occhio da parte di chi, come noi, lavora nel settore della Comunicazione, ma anche da parte di chi, come te, ha un’attività commerciale.

Eccoci arrivati al dessert di un pasto che speriamo sia stato di tuo gradimento… Noi lo abbiamo preparato con tutta la passione che ci contraddistingue! :)

Dulcis in fundo, quindi, il nostro parere sul Proximity Marketing, ma anche e soprattutto il tuo: noi siamo sempre qui pronti ad ascoltarti!
Ti aspettiamo per il caffè! ;)

Category: Web Marketing

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Article by: Noi

Noi: Makkie.